Home page - Convegni e seminari - Seminari di Studio - Seminari 2016 - 2018 - Seminario Soft Skill 
Competenze Trasversali - La sfida educativa delle Soft Skill   versione testuale
Seminario di Studio, Roma 24 febbaio 2018






Le competenze sviluppate nell’ambito delle singole discipline concorrono a loro volta alla promozione di competenze più ampie e trasversali, che rappresentano una condizione essenziale per la piena realizzazione personale e per la partecipazione attiva alla vita sociale, orientate ai valori della convivenza civile e del bene comune».
(Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, 2012)

Approfondire la nuova sfida educativa rappresentata dalle soft skill è stato  l’obiettivo del seminario di studio dal titolo “ Competenze Trasversali. La sfida educativa delle Soft Skill”  promosso  a Roma dal Centro studi per la scuola cattolica dell’Ufficio nazionale per l’educazione, la scuola e l’università (Unesu) della Cei.
Il Seminario è stato aperto dal prof. Ernesto DIACO  - direttore dell’Unesu -  il quale  ha affermato che  “Compito della scuola  è offrire ad ogni persona gli  strumenti per affrontare la vita, un bagaglio culturale ed umano che conduca a scoprire e vivere la propria vocazione nel mondo e generi  bene comune. È sempre vivo il rischio di ridurre l’idea di istruzione alla ripetizione di un sapere inerte, uniforme e impersonale, slegato dalla realtà. Molto forte, inoltre, è la domanda proveniente dal mondo produttivo, tanto da piegare i sistemi formativi in funzione delle esigenze del mercato”. In questo quadro, la sfida principale rivolta all’educazione è quella di  promuovere nell’alunno capacità personali che vanno oltre il semplice possesso di conoscenze, tecniche e abilità. Sono le cosiddette soft skill, competenze trasversali alle diverse discipline e inerenti le capacità relazionali, il senso critico, la creatività, la flessibilità, gli aspetti del carattere e l’apertura alla realtà”.
La discussione del mattino è stata poi  animata  dal prof. Don   Michele Pellerey (Università Pontificia Salesiana – Roma)   e dalla Prof.ssa Maria CINQUE (docente di didattica e pedagogia speciale  Università Lumsa-Roma) . Don Pellerey nella sua lunga relazione   ha affermato che oggi nel mondo del lavoro è presente la distinzione tra competenze culturali, tecnologiche e tecnico-pratiche, definite hard skills, e competenze più generali e trasversali chiamate soft skills. Per sviluppare queste ultime occorre iniziare dalla scuola dell’infanzia, in particolare sullo sviluppo della capacità di autoregolazione nell’apprendimento e nel comportamento, evidenziando  il ruolo delle “funzioni esecutive” nella promozione delle competenze personali a livello di scuola dell’infanzia e dei primi anni della primaria, quali controllo dell’impulsività, dell’attenzione e delle emozioni, flessibilità, capacità organizzativa; nella scuola  secondaria superiore è invece essenziale il ruolo delle competenze “strategiche”: cognitive, di pianificazione e organizzazione dl tempo e del lavoro, di partecipazione alla gestione dei doveri scolastici, di relazione  e collaborazione con gli altri. Al termine dell’esperienza scolastica , è opportuno secondo Don Pellerey, proporre agli studenti un bilancio delle proprie competenze personali “al fine di rendersi consapevoli di quanto ci si senta preparati ad affrontare ulteriori studi o il mondo del lavoro”.
La prof.ssa CINQUE  ha invitato la platea a ripensare al  modo di fare scuola perché dal mondo del lavoro arriva una domanda che ridimensiona l’importanza delle competenze tecniche a favore di un insieme più ampio di abilità, spostando l’attenzione dal semplice “sapere” o “saper fare” alla complessità dell’agire. Nei paesi in cui “il tasso di disoccupazione è più alto (Italia, Spagna e Grecia) spiega la professoressa,  il divario tra competenze richieste dalle aziende e competenze dei giovani neolaureati è più ampio”. Per questo molte raccomandazioni Ue hanno sottolineato come queste soft skill  siano “fondamentali” nel mercato del lavoro e hanno suggerito alle università di “puntare alla formazione ‘integrale’ della persona”, anche se formare alle soft skill all’università potrebbe essere già troppo tardi; quindi  occorre iniziare prima: nel primo ciclo di istruzione e, addirittura, nella primissima infanzia” tenendo conto che esse, come sostiene l’Ocse, contribuiscono al benessere individuale ma anche al progresso sociale.
Il pomeriggio si è aperto  con la relazione del prof. Massimo Tucciarelli (Professional Certified Coach, Palermo), soffermandosi  sull’importanza di formare gli insegnanti sulle soft skill, e sul coaching come strumento privilegiato per lo sviluppo di queste competenze nelle relazioni fra docenti e alunni. Il Coaching  afferma Tucciarelli consente di partire da una situazione concreta, trasformare un’insoddisfazione in un obiettivo, considerare separatamente tutte le componenti che contribuiscono a rendere operativa l’attrazione esercitata dall’obiettivo, individuare le componenti avvertite come problematiche, inquadrare ogni componente problematica sotto diversi punti di vista fino a scoprire qualcosa di nuovo che è rilevante per muoversi verso un cambiamento”.
Il Seminario si è concluso con la relazione della prof.ssa Alessandra La Marca (Docente di Scienze psicologiche pedagogiche e della formazione – Università di Palermo) sulle Soft Skill ed educazione del carattere; un approccio ha spiegato la docente  che non si limiti a insegnare “tecniche” ma che  proponga  agli studenti una riflessione su se stessi e un atteggiamento proattivo nei confronti della propria esistenza e del contesto sociale di riferimento.


Competenze personali e sviluppo della capacità di autoregolazione nell'apprendimento e nel comportamento. Dalla scuola dell'infanzia all'università -   file pptx  - file doc -  prof. Don Michele Pellerey
Formare Soft Skill nel Primo ciclo di istruzione - prof.ssa Maria Cinque 
Il coaching come strumento per lo sviluppo delle soft skill degli insegnanti, nelle relazioni fra loro e con gli alunni - prof. Massimo Tucciarelli
Educazione del carattere e soft skill  - file pptx - prof.ssa Alessandra La Marca

Il CSSC ringrazia i numerosi ospiti che hanno partecipato al Seminario.