News - Ritorna forte la domanda dello spettacolo viaggiante: popolare, familiare, vicino a casa 
Ritorna forte la domanda dello spettacolo viaggiante: popolare, familiare, vicino a casa


La crisi economica che si è abbattuta sul Paese colpisce anche il settore dello spettacolo e gli italiani, costretti a tirare la cinghia, rinunciano sempre più spesso al divertimento e allo svago. Lo rivelano i dati dell'Annuario della Siae che fotografano nel dettaglio la domanda e l'offerta. Non è così, però, per lo spettacolo viaggiante, che sta interpretando bene invece l’esigenza di uno spettacolo economico, familiare, vicino a casa, nei quartieri e nelle piazze italiane
 
Da uno studio attento degli oltre 4 milioni di spettacoli censiti emerge una generale diminuzione della spesa al botteghino (-0,98 per cento) e di quella del pubblico (-1,90 per cento) anche se è aumentato il volume d'affari (+2,08 per cento) grazie ad alcune voci positive riferibili a sponsorizzazioni, pubblicità, riprese televisive e finanziamenti. Sono aumentati, infatti, gli ingressi e i numeri di biglietti venduti per concerti (+ 4,30 per cento) per lo sport (+2,89 per cento) per le attrazioni dello spettacolo viaggiante (+17,63 per cento), per mostre ed esposizioni (+2,52 per cento) e per le altre attività. Mentre nel complesso il numero degli ingressi segna una flessione del 2,25 per cento rispetto al 2010 e su questa cifra ha inciso in particolare il numero dei biglietti rilasciati al cinema (-7,02 per cento) al teatro (-2,31) e al settore ballo e concertini (-2,09 per cento).